La mia fedele compagna

La mia fedele compagna
La vita non è un cammino semplice e lineare lungo il quale possiamo procedere liberamente e senza intoppi, ma piuttosto un intricato labirinto, attraverso il quale dobbiamo trovare la nostra strada, spesso smarriti e confusi, talvolta imprigionati in un vicolo cieco. Ma sempre, se abbiamo fede, si aprirà una porta forse non quella che ci saremmo aspettati, ma certamente quella che alla fine si rivelerà la migliore per noi (A. Cronin)

sabato 23 aprile 2016

23 aprile 1983


Come oggi era una giornata nuvolosa, piovve perfino un po' durante la messa. Poi le foto in Villa Ellerman ed il pranzo alla Boutique del Pesce, non ho mai mangiato tanto e così bene in tutto il resto della mia vita. 
Siamo scesi così assieme a braccetto per 27 anni, tu con l'immancabile sigaretta in mano e lo sguardo sornione, io con il sorriso. Son passati altri 6 anni che non ci sei più e le scale le scendo assieme ai nostri figli, spesso parlando di te, di come ci manchi.  

Ieri ed Oggi

Ve l'ho detto gli ultimi due mesi sono stati pesanti. Tutti hanno problemi e quando si accumula si ha una battuta d'arresto che ci fa dubitare delle nostre capacità. 
Ieri me lo diceva la mia seconda mamma, che di nome fa Mina, nostra roccia e nostro esempio: “”Renata hai troppa paura ed ansia per te e per gli altri “”” (NdR forse perché me ne son successe di tutti i colori?) ma lei continua imperterrita…””” Renata devi farti meno preoccupazioni e buttarti! Se ti fai troppi pensieri la mente ti blocca e fallisci!!! AGIRE bisogna… vedrai che alla fine meno ci pensi, più la cosa riesce!!!!!” 
Sono sicura che sia così, perché mi sto bloccando occasioni da anni, con il pensiero di rendermi disponibile. Pure mia figlia mi ha sgridato: “” basta dire, FAI, fissa l’appuntamento, se poi arriva un contrattempo, lo disdici, ma così rischi di rimandarlo troppo e di non farlo mai “” .
Sono le mie donne di famiglia la mia forza, in un momento in cui mi sento debole e provata, mi mostrano la via per difendermi e per reagire. Noi ci aggrappiamo alle nostre aspettative, alla nostra ansia ed alla fine ci “”programmiamo” al fallimento… se come gli Spartani buttiamo senza pensarci su troppo la spada nelle linee nemiche e poi l'andiamo a riprendere per salvarci la vita, non c’è spazio per ripensamenti, elucubrazioni mentali ed incertezze. Meno tragicamente basta pensare positivo! La convinzione di farcela è una pozione magica ben più straordinaria di tutti i Maghi d’Oz ed anche se sbagliamo, da ogni fallimento ci possiamo rialzare e ripartire con l’esperienza arricchita di maggior informazioni. Quindi  a volte sembra una prova indicibile qualsiasi ostacolo o situazione che incontriamo, ma alla fine  con coraggio siamo capaci di superare tutto!
SI — PUO’ — FARE !!!ed allora facciamolo!!! Ogni cambiamento fa paura, ma con la magia che abbiamo dentro di noi, siamo in grado di sconfiggere tutte le streghe del Nord!!!

giovedì 21 aprile 2016

Il tempo passa

Marzo ed Aprile sono stati due mesi molto pieni. Tanti avvenimenti, notizie che sembrano colpirti come un macigno...  come disse il poeta "fatica di Sìsifo" : è la vita, ma "che importa se i cardi graffiano le mani.." la vita continua e bisogna andare avanti. 

La più bella notizia è che le rondini son tornate e che gli uccellini cantano alleviando il cammino ed il cuore ritorna a cantare con loro!