La mia fedele compagna

La mia fedele compagna
La vita non è un cammino semplice e lineare lungo il quale possiamo procedere liberamente e senza intoppi, ma piuttosto un intricato labirinto, attraverso il quale dobbiamo trovare la nostra strada, spesso smarriti e confusi, talvolta imprigionati in un vicolo cieco. Ma sempre, se abbiamo fede, si aprirà una porta forse non quella che ci saremmo aspettati, ma certamente quella che alla fine si rivelerà la migliore per noi (A. Cronin)

martedì 16 settembre 2014

Finestre di una volta... La iazzera (la ghiacciaia)


Camminando in città  mi fermo spesso a guardare i fregi ed i particolari architettonici delle case e questo mi permette di assaporare e di riscoprire alcune bellezze, che una volta ignoravo per la fretta. 
Recentemente passo per una via dove è stata restaurata una casa bassa, ridipinta con un bel rosso mattone, ma quel che ha attirato la mia ammirazione è l'intelligente conservazione della forma della finestra di una volta con una doppia cassa esterna a vetri. Viene chiamata in dialetto "iazzera" (ghiacciaia) perché aveva uno scopo ben preciso. Permetteva agli abitanti della casa di controllare chi suonasse senza dover aprire la finestra evitando di prender freddo d'inverno e di non esporsi alla bora od alla pioggia in caso di mal tempo. D'inverno prima dell'avvento dei frigoriferi questo vano fungeva da refrigeratore per piccole porzioni di cibo, essendo alcune volte stretta e comunque avendo la base di vetro.






12 commenti:

edvige ha detto...

Me li ricordo li avevo anch'io dove stavo da piccola molto utili anche per la bora.
Ciaooo

redcats ha detto...

Bello, ingegnoso e interessante!

Ale ha detto...

Mi ricordo le persone che tenevano i cibi alla finestra.... Belle le foto. Buona giornata.

Antonella S. ha detto...

Ciao Renata, non avevo mai visto finestre di questo tipo ed è un vero regalo poterne vedere una qui da te. Mi piacciono molto le finestre, ne ho una collezione fotografica infinita...mi sembrano gli occhi delle case che si affacciano sul mondo, e raccontano tanto delle vite che vivono in quella casa.
Buon pomeriggio, a presto.
Antonella

@enio ha detto...

embèh! la finestra è intelligente perchè dalle tue parti in inverno de farà tanto di freddo...

Renata_ontanoverde ha detto...

Soprattutto per la Bora Edy!
Redcats, si, sembra che i "vecchi" costruissero le case con accorgimenti che gli architetti moderni snobbano, ma che avevano tutti una base di logica utilità unita allo stile.
Si, Ale, ricordi di una volta :D
Antonella, ho tante foto di finestre... un giorno forse le pubblice!
Enio, si, impossibile tener aperte le finestre se c'è la Bora, con la pioggia ci si "lava" tutti!

margherita ha detto...

Che belle ! Nella mia casa di fanciulla avevamo il davanzale chiuso dalle imposte e lì mettevamo spesso le pentole al fresco, ma non erano belle come quelle che hai fotografato. ^_^

Linda ha detto...

Anche una piccola serra!

annikalorenzi ha detto...

belle foto!

keypaxx ha detto...

Sono pezzi delle nostre vite che è sempre piacevole rivedere.
Grazie.
Un sorriso per il fine settimana.
^__^

ruma ha detto...

Ciao, Renata_ontanoverde.

Grande fotografare. Progettazione, composizione e idee. Atmosfera molto dolce.

Saluti e abbracci.


Avere un buon fine settimana. Dal Giappone, ruma❃

Renata_ontanoverde ha detto...

Margherita, penso che queste "edicole! siano un retaggio di Trieste o dei luoghi molto freddi d'inverno :D

Hai ragione Linda!

Grazie Annika!

Keypaxx : buon week-end a te!

Thank you Ruma!