La mia fedele compagna

La mia fedele compagna
La vita non è un cammino semplice e lineare lungo il quale possiamo procedere liberamente e senza intoppi, ma piuttosto un intricato labirinto, attraverso il quale dobbiamo trovare la nostra strada, spesso smarriti e confusi, talvolta imprigionati in un vicolo cieco. Ma sempre, se abbiamo fede, si aprirà una porta forse non quella che ci saremmo aspettati, ma certamente quella che alla fine si rivelerà la migliore per noi (A. Cronin)

martedì 1 ottobre 2019

Ci sono momenti nella vita in cui ci si sente vuoti, dopo una dura battaglia, dopo una lotta che ci ha coinvolti profondamente e da cui siamo usciti con la morte di qualcuno a noi caro. Qualsiasi lotta porta sia sconfitta che vittoria, quello di sicuro che porta è un vuoto in cui a volte annaspiamo, altre invece galleggiamo come in una profondità senza fine, percependo la nuova quotidianità con sensazioni e rumori attutiti come se nulla più ci appartenesse: ci sentiamo straniti perché era l'urgenza del momento passato che dominava le nostre vite e finita quella restiamo disorientati, perchè la fine, la morte ci toglie il respiro, il fine più importante per cui tanto lottavamo. Tanto che il solo proclamare la  fine in qualche modo ci spaventa, il non dirlo è un modo per farlo ancora esistere, se non materialmente almeno spiritualmente. 

Difficile ricominciare. Certo il Sole si alza ogni giorno, la notte succede al giorno e pietosa ci preclude l'attività nel sonno ristoratore, anche se agitato. 
E' morta Mina, la seconda moglie di mio padre, la mia seconda madre, la nonna amorevole dei miei figli che con amore e pazienza mi ha aiutato a crescerli, con tanto amore, ma con rigore e attenzione.  L'esserle stata vicina mi ha arricchita di un indomito esempio di coraggio e di resistenza, perchè ha lottato fino al suo ultimo respiro. La prima frase che disse quando scoprì di avere una malattia maligna resta ancora nella mia memoria: la malattia non influirà sulle mie abitudini di  vita. Ed è così che fino all'ultimo si era riservata di fare con nuovi stratagemmi alcuni servizi a suo nipote sia pure girando per casa con il girello, aveva preteso di badare alla propria igiene personale da sola, faceva qualche piccolo lavoretto per sentirsi ancora utile ed autonoma e solo nell'ultimo mese mi aveva permesso di aiutarla in qualche faccenda. La malattia l'aveva prosciugata e piegata fisicamente, tanto che aveva perso 40 kili e si era accorciata di 20 cm.  Gli ultimi giorni non riusciva quasi a camminare. Era lentissima nei movimenti, ma orgogliosamente tirava avanti a se una gamba alla volta, impiegava un'eternità a percorrere i tratti  in uno sforzo sovrumano ma testardo.  Solo un'emorragia cerebrale ha avuto la meglio su di lei piegandola definitivamente, in poche ore se l'è portata via. 
A noi che restiamo, lo stupore della sua perdita ci fa riprendere la routine senza di lei al rallentatore, camminiamo e lavoriamo automaticamente, qualcosa di importante ci manca fisicamente. Restiamo vicini per affrontare meglio una realtà che ancora non abbiamo fatto completamente nostra.  
 

7 commenti:

katherine ha detto...

E' veramente molto doloroso dover ammettere che certe malattie possano avere la meglio su tutto: il coraggio, la determinazione, la voglia di vivere e di lottare...Non ci resta che imparare, ricordare, vivere secondo l'esempio avuto e tenere per sempre nel cuore queste persone a noi care, che un destino ingiusto e crudele ci ha strappato.
Condoglianze a voi e tanto coraggio, vivendo come lei vorrebbe viveste.
Un abbraccio!

Marinz ha detto...

Che belle parole in momenti "bui" come questi.
Le mie condoglianze e un abbraccio.
Ti mando lo stesso un mio sorriso
Marinz

Renata_ontanoverde ha detto...

Katherine: sicuramente Mina resterà per come era e per come ha reagito alla malattia, per sempre indelebile nella nostra mente e un chiaro esempio per noi.

Marinz: grazie e grazie soprattutto per il tuo sorriso ♥ un abbraccio a tutti voi.

margherita ha detto...

Sono in ritardo e me ne scuso. Ti abbraccio e prometto di farmi viva presto.

fiordistella ha detto...

Leggo solo ora e ti abbraccio forte. Ti rimarrà il ricordo di una donna coraggiosa e piena di dignità, che la morte ha trovato viva e non piegata. Grande esempio di forza morale. Un pensiero deferente alla tua seconda mamma e un grande abbraccio a te :-) Maria Antonietta-Alba-

Renata_ontanoverde ha detto...

Margherita, sei scusata... con quel bellissimo tesoro che è entrato nella tua vita, penso che il tuo tempo con casa e famiglia sia limitato... un abbraccio anche a te.

MAP grazie, anch'io vengo qui ormai molto raramente! un abbraccio forte forte anche a te...

Fedora Rigotti ha detto...

Salve,
Offerte di prestiti tra privati, veloci e affidabili
Sono una persona seria e onesta che concede prestiti che vanno da 5.000€ a 500.000 € a ogni persona che cerca un prestito di denaro per coprire un bisogno, saldare un debito, realizzare un progetto, riattivare la sua attività, un'altra preoccupazione. Ti chiedo di essere contattato direttamente con me.

fedora.rigotti51@gmail.com
Whatsapp +39 3891124366

Salve,
Offerte di prestiti tra privati, veloci e affidabili
Sono una persona seria e onesta che concede prestiti che vanno da 5.000€ a 500.000 € a ogni persona che cerca un prestito di denaro per coprire un bisogno, saldare un debito, realizzare un progetto, riattivare la sua attività, un'altra preoccupazione. Ti chiedo di essere contattato direttamente con me.

fedora.rigotti51@gmail.com
Whatsapp +39 3891124366

Salve,
Offerte di prestiti tra privati, veloci e affidabili
Sono una persona seria e onesta che concede prestiti che vanno da 5.000€ a 500.000 € a ogni persona che cerca un prestito di denaro per coprire un bisogno, saldare un debito, realizzare un progetto, riattivare la sua attività, un'altra preoccupazione. Ti chiedo di essere contattato direttamente con me.

fedora.rigotti51@gmail.com
Whatsapp +39 3891124366