La mia fedele compagna

La mia fedele compagna
La vita non è un cammino semplice e lineare lungo il quale possiamo procedere liberamente e senza intoppi, ma piuttosto un intricato labirinto, attraverso il quale dobbiamo trovare la nostra strada, spesso smarriti e confusi, talvolta imprigionati in un vicolo cieco. Ma sempre, se abbiamo fede, si aprirà una porta forse non quella che ci saremmo aspettati, ma certamente quella che alla fine si rivelerà la migliore per noi (A. Cronin)

venerdì 2 dicembre 2011

Fritole istriane (lievitate)

Ogni festa a Trieste, come in tutto il mondo, è legata ad un dolce particolare che va per la maggiore.
Natale è il periodo più ricco: si fanno i "Presnitz" ricchissima farcia avvolta in velo di pasta frolla chiusa a rotolo e posto a cuocere a forma di spirale, le "Putizze" , con la stessa farcia in pasta dolce lievitata (i friulani ne hanno una versione simile, più povera, che chiamano "Gubana"), le Pinze, semplice pan dolce tagliato a croce nella sommità, più caratteristiche per Pasqua quando si portano la mattina a benedire a Messa; i "Crostoli" o come li chiamano a Venezia "Bugie", a Roma "Frappe". Delle Fritole, oltre a quelle di Parenzo di cui vi ho parlato l'altro giorno, c'è una versione semplice di pasta lievitata con uvette e pinoli e quelle di ricotta, fatte sempre con la pasta lievitata, ma fresche per la presenza di questo elemento base, e sono a dir poco un orgasmo papillare!

Le fritole istriane lievitate appartengono alla tradizione familiare di mio marito.
In realtà sono preparate in tutta la Venezia Giulia (che, per coloro che lo ignorassero, tengo a precisare comprende i territori di Dalmazia, Istria, Trieste, Gorizia e Venezia! i vecchi dominii della Repubblica Marinara di Venezia!!) : essendo un dolce semplice lo possiamo trovare anche nel resto dell'Italia. A Trieste e nell'Istria vanno per la maggiore per Natale, per Carnevale e nelle domeniche.

Mia suocera, di origine dalmata era alta più di me 1,78 m. di corporatura robusta: un donnone giunonico. La ricordo curva ai fornelli intenta a mescolare i cibi, preparando piatti succulenti per gli ospiti con calma serafica, con metodo e pazienza, per tempi interminabili : perchè la cottura è una cosa seria ed ogni alimento deve essere cucinato a puntino!
A qualsiasi ora si capitasse da lei iniziava a cucinare, era capace di mettere su i crauti e farti stare da lei per tutta la durata della cottura (6 ore!) mentre intratteneva nella grande cucina gli ospiti presenti, perchè la sua arte era un rito e vi confesso che ne valeva sempre la pena!

Mitiche erano le sue fritole, di cui girava l'aneddoto che mio marito con tre suoi amici ne avessero mangiato in tempo di mezz'ora più di 100, mentre lei ancora le stava preparando.
Erano particolarmente soffici, fragranti, gustose ed asciutte, grazie a quel cucchiaio di aceto bianco che aggiungeva nell'impasto e che impedisce al dolce di assorbire l'olio.

Si preparano con :
3 uova
400 gr di farina 00 (circa!)
30 gr di lievito di birra
40 gr. di burro
50 gr. di zucchero,
buccia di limone,
1 tazzina di latte tiepido
1 bic. vino bianco
1 cucc. di aceto bianco
1-2 cuc. di rum,
aroma di vaniglia
50 gr di uvette
40 gr di pinoli
un'ombra di cannella!


Battete le uova con lo zucchero, aggiungete il burro, che avrete tirato da due ore fuori dal frigo in modo sia morbido, ponete la ciotola a bagno maria con acqua calda ma mai bollente, mentre sbattete in modo che il burro si sciolga e prenda la consistenza di una spuma.
A parte fate lievitare il lievito con il latte tiepido e un po' di zucchero. Quando triplica di volume aggiungete un po' di farina sbattendo che non faccia grumi. Unite le uova ed il burro, sbattete per 15 min. circa. Unite sempre mescolando in modo che man mano gli ingredienti vengano assorbiti in modo omogeneo: 1/2 bicchiere di vino bianco, 1 cucchiaio d'aceto bianco, 1-2 cucc. di rum, la scorza grattuggiata di 1/2 limone, l'ombra di vaniglia e di cannella (attenzione che questi ultimi non sovrastino di sapore), aggiungete man mano il resto della farina dando alla pasta una consistenza elastica e morbida: quando è pronta lo capirete se prendendo con il cucchiaio di legno un po' di pasta e rivoltandolo, la pasta resta aderente al cucchiaio e non cade.
Il segreto della sofficità delle fritole è dato dalla giusta lievitazione: si deve sbattere l'imbasto più volte per 15-20 minuti e far riposare per altri 10 al caldo, l'impasto deve essere sempre BATTUTO DAL BASSO VERSO L'ALTO, mai in circolo : si smonta!
Più volte alternerete sbattitura e lievitazione, più soffici saranno le fritole.
All'ultimo momento aggiungete pinoli ed uva passa, che avrete fatto rinvenire nel rum, sgocciolata e passata nella farina.

Riempite una pentola capiente d'olio di semi di buona qualità e quando l'olio è bollente, immergetevi un cucchiaino d'acciaio, per renderlo impermeabile, poi immediatamente prendete con questo una porzione di pasta e fatela scivolare nell'olio bollente. La pasta prima cade a fondo, poi si gonfierà a pallina con dei cornini (la pasta cadendo fila delle piccole protuberanze) , la fritola viene in superficie dove resterà da una parte fino a giusta cottura, solo allora si "rivolta" volgendo autonomamente la parte cruda nell'olio. Calcolate un tempo ragionevole prima di sgocciolarle su una carta paglia, spolveratele con lo zucchero a velo.

Calde sono squisite!



9 commenti:

Anonimo ha detto...

Ma buoneee!!
Che fame!

Renata_ontanoverde ha detto...

effettivamente... buonissime!

Tecla ha detto...

Golosissime!!!
Grazie di queste chicche che ci regali.
Buona giornata Renata!

Miss Pansy ha detto...

Ho fatto bene a ritagliarmi un po' più di tempo per leggere i due post cucinieri!
Anni e anni fa, ebbi a che fare con un direttore di un magazine che spiegava quanto il sensazionalismo fosse abusato.
Eppure ci sono certe volte, e questo è un caso, in cui scrivere "sensazionale" è giustificato.
Bello bello bello Renata: le ricette devono essere buonissime, ma i racconti lo sono ancora di più!
Grazie :)

Renata_ontanoverde ha detto...

@ Tecla : prego, prego...;) buona giornata anche a te!
@ MissPansy : prego, io credo che sensazionale sia la cucina che ti da delle emozioni di appagamento quando mangi una pietanza cotta con sapienza e con amore, servita con grazia. quando il silenzio cade nella stanza perchè l'attenzione dei commensali si rivolge alle sensazioni che si sviluppano nella bocca e non riesci a parlare, perchè la tua mente è talmente stupita di ciò che stai provando! I ricordi sono sempre belli, anche quelli brutti, perchè il tempo li sbiadisce e li rende più sopportabili!

Miss Pansy ha detto...

ti cito
"[...]quando il silenzio cade nella stanza perchè l'attenzione dei commensali si rivolge alle sensazioni che si sviluppano nella bocca e non riesci a parlare, perchè la tua mente è talmente stupita di ciò che stai provando!"

Hai raccolto in una frase quello che cercavo di far passare attraverso l'ormai famoso post culinario!!!
È verissimo: personalmente la contentezza che mi dà il notare un'espressione del genere nei miei ospiti è qualcosa di sublime. Come lo è assaporare un piatto nuovo che scopriamo piacerci e, soprattutto, condividere la cosa con chi prova lo stesso tuo piacere.

...davvero non capisco come ho fatto a dimagrire per come amo la cucina :P

Anonimo ha detto...

Grazie Renata! Le tue fritole sono eccezionali! Ho condiviso la tua pagina su FB perché spero che questa ricetta si diffonda il più possibile :)

Elisabetta Rigodanzo

Renata_ontanoverde ha detto...

Grazie Elisabetta, purtroppo non sono su Facebook! un abbraccio!

Cristina ha detto...

Volevo ringraziarti di questa ricetta. La nostra di famiglia era molto molto simile alla tua, mio papà è di Pola, e mia nonna ce le faceva sempre. Purtroppo è andata persa, mi ricordavo giusto qualcosa, e la tua si avvicina tremendamente ai ricordi della mia infanzia. Mi sono permessa di riprenderla per inserirla nel mio blog, per una cena a tema istriano che ho fatto recentemente. Grazie di cuore. Le fritole fatte con la tua ricetta sono spaziali come quelle che mangiavo da bambina. Grazie ancora.