La mia fedele compagna

La mia fedele compagna
La vita non è un cammino semplice e lineare lungo il quale possiamo procedere liberamente e senza intoppi, ma piuttosto un intricato labirinto, attraverso il quale dobbiamo trovare la nostra strada, spesso smarriti e confusi, talvolta imprigionati in un vicolo cieco. Ma sempre, se abbiamo fede, si aprirà una porta forse non quella che ci saremmo aspettati, ma certamente quella che alla fine si rivelerà la migliore per noi (A. Cronin)

martedì 17 dicembre 2013

Salvatevi l'anima!


Solo noi donne possiamo capire quanto   pesante possa essere questo periodo, in cui cerchiamo di far quadrare il cerchio, volendo sistemare tutto e tutti. Pura utopia!

Ma abbiamo sempre un sistema per salvarci la vita, che a volte consiste nel prendere una piccola pausa, anche di DUE minuti soltanto, quindi bando agli alibi del “non ho tempo”! Dato che io stessa ho sperimentato l’efficacia di questi piccoli stratagemmi, ve ne propongo qualcuno, affinché possiate prendere quello che più vi è congeniale.
 

Primo consiglio.  Il sale purifica ed aiuta ad eliminare.

* MANILUVIO DI DUE MINUTI : riempite il lavabo –anche della cucina- con acqua tiepida buttateci dentro una manciata di sale ed immergete per DUE minuti le mani, pensando che i pensieri dalla testa escano attraverso le braccia e le punte delle dita, liberandovi dal fardello, almeno per poco. Se non avete tempo di farlo con il sale, perché siete fuori casa, lavatevi  le mani sotto l’acqua corrente e visualizzate che i vostri pensieri e le vostre tensioni escano dalle vostre mani e vengano lavati via dall’acqua.

* se avete la vasca cercate di fare ogni giorno un bagno a temperatura 38° con tanto sale da cucina, meglio se  con  qualche goccia di olio essenziale alla lavanda.  

* oppure la sera riempite un catino con acqua salata e fate un breve pediluvio, 38° l’acqua non di più e poi asciugate e se proprio volte “esagerare” mettetevi una crema, qualunque (se è grassa  , toglierete l’eccesso con una salvietta di carta).
Visualizzate SEMPRE che pensieri dalla testa e dal cuore escano attraverso le gambe e le dita dei piedi.

Secondo consiglio. Il bigliettino in tasca di Osho.

*immaginate di avere un biglietto in tasca (anche immaginaria) con su scritta l’emozione del momento “sono incazzata” “ho paura” “sono stanca”  “sono tesa e nervosa” “sono confusa”, ecc.

* quando l’emozione affiora, immaginate di togliere il biglietto dalla tasca immaginaria e visualizzatevi che lo LEGGETE!  “io ho paura” (ad esempio)

* rimettetelo in tasca.

Vedrete che l’emozione si scioglie , a me questo è servito per ANNI (!) quando il mio datore di lavoro dopo un'ischemia mi subissava ed urlava dietro (aveva 88 anni!):  questo trucchetto mi permetteva di rientrare in me dalla botta di rabbia, calmandomi all’istante (provare per credere!)  e mi permetteva di controllare la situazione pilotandolo verso una soluzione ragionevole, dicendogli “se vuole potremmo fare così...” lui ci pensava, ragionava (!) e diceva "va bene proviamo così"! Convinto di essere lui il pilota della situazione si calmava immediatamente e ritornavamo al lavoro!

E’ un concreto dato di fatto che portando dall’inconscio al conscio ciò che accade, vale a dire prendendo coscienza del problema destabilizzante, il subconscio lavora IMMEDIATAMENTE per portare la mente ed il corpo ad un equilibrio facendo emergere nella vostra mente la soluzione giusta o per lo meno allenterà al momento la tensione.

 Terzo consiglio. Quando andate a letto, distendetevi ad occhi chiusi in una posizione fluida e comoda: schiena diritta, gambe rilassate distanziate tra loro, braccia abbandonate lungo il corpo con i palmi rivolti verso l’alto.

Concentratevi UN MINUTO sui  gruppi muscoli, mentalmente iniziate dai piedi : contraete con forza  e poi rilassate prima le gambe e continuate con le braccia, la pancia, la schiena, il collo la testa (stringendo le mandibole aggrottando la fronte). Poi concentratevi per un paio di minuti sulla respirazione, seguite  l’inspirazione e cercate di farla diventare sempre più ampia riempiendo d’aria anche l’addome, espirando visualizzate che i vostri pensieri negativi vengano eliminati attraverso la bocca, fatelo con calma, inspirate ed espirate: abbandonatevi al ritmo...

se non siete  ancora calme, CONTEMPLATE i vostri pensieri, LASCIATELI FLUIRE. Immaginate che la vostra mente sia una stanza buia con una botola nel pavimento  da cui arrivi il chiarore –essendo l’accesso al mondo esterno- e visualizzate che ogni pensiero che vi arrivi si scaraventi fuori cadendo giù nella botola.  Quando avrete raggiunto una certa rilassatezza e calma chiudete la  botola, e – se ancora non vi siete addormentate - mettitetevi nella posizione che vi piace di più per addormentarvi : se nel frattempo emerge qualche altro pensiero pensate CI PENSERO’ DOMANI.

Se anche ne scegliete uno o un paio di questi stratagemmi vedrete che vi sentirete meglio, se vi riesce facile farne uno o due, cercate di aggiungerne un altro, e poi un altro ancora... sappiate che la vita può portare confusione, ma come rassettate la vostra casa, potete rassettare anche la vostra mente !

Cercate di evitare di farvi stritolare dagl'ingranaggi dello stress e diventate PADRONE DELLA VOSTRA VITA!  Come diceva il divin poeta :  Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza 

un abbraccio! Renata
 
 

 

10 commenti:

Antonella S. ha detto...

Bellissimi e anche abbastanza piacevoli da mettere in pratica questi tuoi consigli!

Io inizierò da quello del bigliettino...chissà che non riesca a calmare i miei momenti di ansia!

Un abbraccio.
Antonella

Carlo Volebele Vay ha detto...

Mi piacciono davvero questi tuoi consigli... li metto subito in pratica, poi ti dirò come è andata. Ciao e tantissimi auguri. :)

viola ha detto...

Ciao. belli e utilissimi i tuoi consigli. Proverò.
Quello a letto, prima di dormire, per rilassare i muscoli già lo conoscevo.
In estate, quando sono magari sdraiata al sole, penso che i raggi mi entrino nel petto, e col loro calore sciolgano tensioni e affanni, e che poi se ne vadano via con una bella espirazione.
Noi donne, ansiose, ansiogene, preoccupate, tese....a volte abbiamo veramente bisogno di qualcosa che ci aiuti!!

Renata_ontanoverde ha detto...

Antonella : è ottimo, quando lo impari, tendi ad usarlo spesso, ti aiuta tantissimo,
Carlo : auguri anche a te!!!
Viola : si, una coccola ed insieme un rimedio che aiutano e sollevano un po'.

edvige ha detto...

Acqua 38 gradi.....mmmmmm più calda della temperatura del corpo....non sempre va bene dipende dal soggetto e quindi informasi che si può farlo a questo grado di caldo. Io ad esempio no e non perchè ho avuto un infarto 12 anni fa ma perchè le vene si gonfiano per troppo caldo ed a differenza del mare in vasca non si nuota. Chi lo vuole fare deve essere sicuro di poterlo fare. Per i piedi non ce problema se riescono ad immergerli....
Buona serata.

leggerevolare ha detto...

GRAZIEEE
... quella del letto mi è piaciuta tantissimo - stasera la provo... he he

Linda ha detto...

comincio dalle mani in acqua e sale... e vado avanti con i bigliettini e le tecniche di rilassamento serale...grazie, sono giorni terribili, ne ho bisogno. un bacio

Renata_ontanoverde ha detto...

Bravissime! Iniziate a metterne in pratica uno e vedrete che basta poco per stare meglio.

Ale ha detto...

Grazie Renata per questi consigli utilissimi. Credo che me li stamperò per riuscire a memorizzarli meglio.
Un abbraccio.

redcats ha detto...

Ci proverò con i più semplici