La mia fedele compagna

La mia fedele compagna
La vita non è un cammino semplice e lineare lungo il quale possiamo procedere liberamente e senza intoppi, ma piuttosto un intricato labirinto, attraverso il quale dobbiamo trovare la nostra strada, spesso smarriti e confusi, talvolta imprigionati in un vicolo cieco. Ma sempre, se abbiamo fede, si aprirà una porta forse non quella che ci saremmo aspettati, ma certamente quella che alla fine si rivelerà la migliore per noi (A. Cronin)

mercoledì 27 gennaio 2010

Anche i guru soffrono il freddo...

E' buio fuori, sono sveglia e anche se l'orologio segna appena le 5.37, decido di alzarmi e rabbrividisco a sentire la furia dei refoli di Bora che scuotono le imposte e fanno sibilare i fili elettrici delle lampade appese in strada. Il cielo è come la pece, perfino le stelle con il loro blando luccichio sembra si rintanino nella coltre celeste a cercar riparo dalla Bora. Ma già alle 6.45 il buio si smorza in un blu meno cupo... Ieri alle 17.oo guardando il cielo mi sono resa conto che ancora non era buio e già il mio cuore si mette a cantare all'approssimarsi di marzo, con l'ora legale, la sua luce e quel teporino che prelude la primavera.
Intanto però fà un freddo cane, mi vesto a strati. Benedico i leggings, che mi ricordano tanto i mutandoni di lana dei nonni o le calzemaglie che ci mettevamo durante la settimana bianca quando eravamo giovani.

Ebbene si, anche noi "guru" ;) patiamo il freddo, specie se stressati. Tirem inanz!

Ieri sera mi sono addormentata davanti allo sceneggiato di Lando Buzzanca e mi sono beata del sole che vedevo nella mia Trieste ripresa probabilmente in primavera od in autunno. Consideravo i posti della ripresa: la questura l'hanno messa alla Casa del Portuale, un edificio sulle rive di fronte a Palazzo Carciotti, proprio perchè essendo sul lato mare era il meno ingombrante. Poi ci sono riprese all'Area di Ricerca e in piazza Unità che è isola pedonale e sul molo Audace anch'esso in zona a traffico ridotto sul lato mare. Sullo sfondo delle riprese si snodano i palazzi delle rive costruiti dalla borghesia dell'800 e del primo '900. Il mare che vi si vede è invitante, ammicca ai ricordi e ripenso ai bagni d'estate. Febbraio è corto, passa presto: è passato in un lampo pure Gennaio! Di solito è lungo e sembra non finire mai, ma quest'anno mi son stupita quando ho constatato che iniziavo a cancellare l'ultima settimana della pagina di calendario.
Buona giornata a tutti!

3 commenti:

Giusy ha detto...

È vero, è volato anche gennaio.... le giornate si stanno allungando, ma il freddo non molla!
Che barba che ne ho! O meglio, come diciamo da queste aprti: Che sèèèèèèèèèèèèèè!!!!!!!!!!!!

Renata_ontanoverde ha detto...

Tiene duro il freddo e meno male che la Bora tiene lontana la neve!
Un bacione, Renata

giusy ha detto...

E invece qui stasera è tornata... speriamo non si fermi sulle strade!