La mia fedele compagna

La mia fedele compagna
La vita non è un cammino semplice e lineare lungo il quale possiamo procedere liberamente e senza intoppi, ma piuttosto un intricato labirinto, attraverso il quale dobbiamo trovare la nostra strada, spesso smarriti e confusi, talvolta imprigionati in un vicolo cieco. Ma sempre, se abbiamo fede, si aprirà una porta forse non quella che ci saremmo aspettati, ma certamente quella che alla fine si rivelerà la migliore per noi (A. Cronin)

venerdì 11 maggio 2012

I giorni scivolano incuranti delle pene. Tutto sembra procedere, ma in realtà, in fondo, l'anima ogni tanto si ferma e spaura di fronte al vuoto! 

La realtà porta problemi da risolvere, giro e rigiro le cose nell'illusione di riempirmi la vita, di andare avanti. 

Ragiono e mi chiedo : quando il mio cuore si è fermato ? Si, perché mi sembra di vivere in apnea, tanta è la paura di soffrire ancora. 

Timidamente continuo il mio quotidiano a volte facendo violenza su me stessa, sulla tendenza a rinchiudermi a ripiegarmi per escludere il mondo.  Avanti, ancora una volta, reagisco, devo farlo! Me lo devo! Lo devo ai miei figli. 

Questa settimana ho incontrato un'amica nuova e parlando con lei mentre le spiegavo delle mie identità perdute, le raccontavo di Renata-impiegata e Renata-moglie, che non esistono più e lei mi guarda e mi chiede :  " Cosa è rimasto ora? Solo RENATA! e questo vuol dire che è venuto il momento di prenderti cura di te stessa!" 

La vita ha bisogno di nuove chiavi di lettura, di essere guardata da diversi punti di vista per comprendere meglio come procedere. 

"Ha da passà 'a nuttata ?" ma sembra non passare mai! 



14 commenti:

A. ha detto...

solo RENATA?

mi sembra un'ottima chiave di lettura.......

Jesce sole

A.

Renata_ontanoverde ha detto...

Grazie A.! :)

SemifreddoalCaffe ha detto...

hai già fatto tanto... ti rimangono soltanto gli ultimi passi verso te stessa... compili con la volontà e la forza di cui sei capace...

tu sei brava!

Maude Chardin ha detto...

Renata cara, credo che la tua amica abbia ragione.
Hai sofferto tanto, stai soffrendo ancora, ma hai tirato fuori grandi emergie e forza, vedrai che riuscirai anche in futuro.

Un forte abbraccio

gattarandagia ha detto...

intanto è rimasta Renata-madre, cui Renata si attacca per tirare avanti quando le sembra di non farcela ...
ti capisco: quando tanta vita importante è alle spalle, irrecuperabile se non nel ricordo, ma nel ricordo stesso dolorosa, trovare motivi per guardare al futuro con gioia è difficile.
ma la tua nuova amica ha ragione: prenditi cura di te, godi quei momenti, spazi, tempi che hai sempre rimandato a dopo perché la lavoratrice e la moglie avevano urgenze più urgenti.
non lo devi ai tuoi figli, lo devi a te stessa!

Renata_ontanoverde ha detto...

Semifreddo : non ci riesco, mi penso sempre in funzione di qualche cosa o qualcuno... ma non è detta l'ultima parola!

Maude : penso proprio di sì, devo solo decidere l'obiettivo o il modo! ;)

Gatta : Renata Madre è un ruolo che limito per non ingerire troppo nella vita dei miei figli! devono imparare a camminare da soli! sembra che i miei hobby non riesca a metterli in atto più. averci rinunciato da tanto sembra non mi permetta di rifarmi ....

Lilli ha detto...

Ha ragione la tua amica.
Io aggiungerei: c'è sempre stata (solo?) RENATA. E' sbagliato (e lo dico anche a me stessa) identificarsi con quello che si fa o con quello che si è per gli altri.
Noi non esistiamo, non siamo venuti al mondo per "fare" qualcosa!
Noi ci siamo e basta, e la nostra identità non è legata a quello che - incidentalmente - ci troviamo a fare lungo il cammino.
Non buttarti giù.
Un grande abbraccio
Lilli

Linda ha detto...

Solo Renata? E mi hai detto niente?
Io sono sempre stata la figlia di-, la moglie di-, la sorella di-, la madre di-; è da poco che sono io, solo io. Un memoento difficile, ma eccitante.
Ciao Renata, un abbraccio.

nellabrezza ha detto...

è che ci spersonalizziamo presto, occupate come siamo a compiacere il mondo...è come se abdicassimo al nostro vero essere, come se non esistessimo al di fuori di questi ruoli.
sei troppo intelligente per non saper trovare il modo di reinventarti !!!

ci riuscirai!

a prop, in questo weekend ho letto Stuparich e Tomizza, Un anno di scuola e Ricordi Istriani e La visitatrice...Materada non l'ho trovato, me lo farò arrivare da qualche altra biblioteca...

Renata_ontanoverde ha detto...

Lilli non mi butto giù, ma i lutti vanno vissuti per superarli ed a volte non è facile !

Linda : si è esaltante essere finalmente "solo" se stessi, anche se crea un po' di panico!

Certo Nellabrezza ci riuscirò di sicuro!

Gloria Fiorani ha detto...

...Renata... un abbraccio forte forte, carissima. Sì, passerà 'a nuttata, anche se non so quando.

sliced ha detto...

complimenti, come per tutte le cose, la riuscita dipende da quanto ci credi..ciao renata:)

sliced ha detto...

complimenti!
e come per tutte le cose la riuscita sta nel quanto ci credi.
ciao renata

Renata_ontanoverde ha detto...

Ciao Sliced, benvenuto/a?!! ;)