La mia fedele compagna

La mia fedele compagna
La vita non è un cammino semplice e lineare lungo il quale possiamo procedere liberamente e senza intoppi, ma piuttosto un intricato labirinto, attraverso il quale dobbiamo trovare la nostra strada, spesso smarriti e confusi, talvolta imprigionati in un vicolo cieco. Ma sempre, se abbiamo fede, si aprirà una porta forse non quella che ci saremmo aspettati, ma certamente quella che alla fine si rivelerà la migliore per noi (A. Cronin)
Visualizzazione post con etichetta dieta. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta dieta. Mostra tutti i post

sabato 19 maggio 2012

Gli zuccheri e l'ansia


Ieri parlando con un' amica in merito alla mia difficoltà di recuperare un peso normale, mi giustificavo spiegando che i dolciumi ed il cibo in generale è diventato negli anni un meccanismo di gratificazione alle frustrazioni subite, che in 17 anni mi hanno portato ad costruirmi una corazza di 25 chilogrammi, con tutte le conseguenze dei disturbi che ad una "certa" ;) età questo comporta, in quanto la sovra alimentazione è cieca e non rispetta un sano regime, ma predilige i cibi che alterano trigliceridi, colesterolo ecc.

La mia amica mi ha ripetuto qualcosa che già sapevo, ma a cui non riesco ad arrendermi! I carboidrati ed i glucidi in eccesso PROVOCANO L'ANSIA e TOLGONO L'ENERGIA all'organismo.

Una SANA alimentazione che tenga conto della curva glicemica mi aiuterebbe non solo a perder peso, ma perfino a migliorare l'umore, a riportare ad una normalità il ciclo del sonno, alquanto turbolento negli ultimi anni. E' la scoperta dell'acqua calda, perché le stesse cose me le disse anni fa una dietologa, che voleva anzitutto riequilibrare le funzioni dei miei organi e per seconda intenzione arrivare a farmi dimagrire. Mi promise che alla fine del percorso sarei riuscita a riprendere l'abitudine della brioche al mattino con il caffè! Un bel traguardo!

Certo ci sono i momenti in cui si può sgarrare, ma se alle 14.00 si smette di assumere carboidrati e glucidi in genere, si recupera un benessere e tanta forza.

Ma le cose "giuste" al momento "giusto" non arrivano da sole : oggi ricevo per posta una mail con la regola del "zero-cinque-trenta", che secondo gli immunologi è il mezzo più efficace e naturale per mantenere in forze il sistema immunitario. Considerandolo mi accorgo per l'ennesima volta che conosco queste regole anche se non le applico (a parte il fumo che ho smesso trent'anni fa!).
Zero fumo : la nicotina genera infiammazioni e favorisce patologie cancerose e cardiovascolari. Ricordatevi che la sigaretta è fonte di nichel: immaginate, se l'orologio d'acciaio vi crea dermatite, cosa possa fare alle vostre mucose il fumo !
Cinque pasti di frutta e verdura : racchiudono le vitamine e i sali minerali facilmente assimilabili dal nostro corpo, fornendo una protezione alle cellule immunitarie di prima difesa, mentre i famosi integratori alimentari di sintesi chimica hanno una efficacia ben minore, se non -in alcuni casi- nulla per il nostro metabolismo, in quanto il corpo non li riconosce e gli elimina.
Trenta minuti di attività fisica : che scatena benefici producendo serotonina e favorendo con la maggior ossigenazione il rafforzamento del sistema immunitario.
In sintesi l' ansia e la stanchezza dovute ad errata alimentazione aumentano le quantità di cortisolo e noradrenalina sostanze che in eccesso interferiscono con la risposta immunitaria dell'organismo e la sua capacità di reazione di fronte alle minacce.

Ben conoscendo questi fondamentali della dieta, stupisco sempre circa la mia mancanza di capacità di assimilarli applicandoli alla mia vita. Come riesco a reagire quando non ho alternativa, devo imparare a scegliere la via del benessere e non quella della mera gratificazione! Ancora la mia mente fatica a mettersi in riga a materializzare il concetto ormai asseverato dall'esperienza : non è la vita che ci rende vittime, ma è il nostro modo di affrontare le difficoltà della vita che lo fa!