La mia fedele compagna

La mia fedele compagna
La vita non è un cammino semplice e lineare lungo il quale possiamo procedere liberamente e senza intoppi, ma piuttosto un intricato labirinto, attraverso il quale dobbiamo trovare la nostra strada, spesso smarriti e confusi, talvolta imprigionati in un vicolo cieco. Ma sempre, se abbiamo fede, si aprirà una porta forse non quella che ci saremmo aspettati, ma certamente quella che alla fine si rivelerà la migliore per noi (A. Cronin)

domenica 15 settembre 2013

Prendersi la responsabilità del Cambiamento: non e’ rilevante ciò che ti capita, ma come tu reagisci agli eventi




Nel 19 luglio 1971 l’ex Marine, W. Mitchell, (classe 1943) di mestiere manovratore della funivia di San Francisco, ebbe un incidente con la sua moto in cui il 65% del suo corpo rimase orribilmente ustionato e sfigurato, con la  perdita di  quasi tutte le falangi delle dita delle mani.  Ma W. Mitchell è un tipo tosto e determinato:   riscontrato che l’incendio era stato causato da un difetto di fabbricazione della motocicletta, fece causa alla società costruttrice ed ottenne un indennizzo di mezzo milione di dollari.

Dopo l’incidente prese il brevetto di pilota e nel 1975 fondò con altri soci la Vermont Castings una società costruttrice di stufe, valutata più tardi 65 milioni di dollari. In un viaggio d’affari ebbe un incidente con l’aereo della compagnia che cadde per una carente ispezione prima del volo alle ali dell’aereo, su cui si era formato un sottile strato di ghiaccio. L’incidente lasciò indenni gli altri passeggeri, mentre lui divenne   paraplegico. Ciò non gli impedì di diventare nel 1977 Sindaco di Crested Butte, Colorado, dove si oppose alla AMAX che voleva costruire una miniera bilionaria di molibdeno nel Monte Emmons. Antesignano della battaglia  per la conservazione dell’ambiente, Mitchell è tuttora fiero di aver salvato una montagna.

W. Mitchel ha fatto della sua vita la missione di sensibilizzare le masse a Prendersi la responsabilità del Cambiamento: non e’ rilevante ciò che ti capita, ma come tu  reagisci agli eventi. E detto da uno che si muove sul palcoscenico manovrando la sua carrozzella e gesticolando con le mani dilaniate dal fuoco mostrando i resti dei moncherini delle dita, il volto sfigurato nonostante le operazioni effettuate, fa un certo effetto.

Ogni difficoltà accade per metterci alla prova e darci l’opportunità di volgere al positivo anche il più negativo degli eventi: siamo NOI i padroni della nostra vita, della nostra felicità. 

Meditate gente, meditate ! e BUONA DOMENICA A TUTTI!


It's not what happens to you that matters, it's what you do with it.
- See more at: http://www.insightcourse.net/lessons/03a_personal_responsibility#sthash.QtugsCgE.dpuf

It's not what happens to you that matters, it's what you do with it.
- See more at: http://www.insightcourse.net/lessons/03a_personal_responsibility#sthash.QtugsCgE.dpuf

It's not what happens to you that matters, it's what you do with it.
- See more at: http://www.insightcourse.net/lessons/03a_personal_responsibility#sthash.QtugsCgE.dpuf
Taking Responsibility for Our Lives
Soaring

It's not what happens to you that matters, it's what you do with it.

W. Mitchell, Inspirational Speaker
- See more at: http://www.insightcourse.net/lessons/03a_personal_responsibility#sthash.QtugsCgE.dpuf
Taking Responsibility for Our Lives
Soaring

It's not what happens to you that matters, it's what you do with it.

W. Mitchell, Inspirational Speaker
- See more at: http://www.insightcourse.net/lessons/03a_personal_responsibility#sthash.QtugsCgE.dpuf

mercoledì 11 settembre 2013

Bora e pioggia a catinelle : 13° !!!


Ma che freddo fa !!!! 


Mucia dove sei ????


 

Son finiti i temporali ????

lunedì 9 settembre 2013

Con il cielo grigio...

cambia la prospettiva e l'emozione è diversa...



Video del buon mattino!

Guardando su youtube alcuni filmati di animali ho incrociato questi, che vi riporto per la dolcezza.
Il più commovente è l'ultimo : sono le reazioni dei cani al ritorno dall'Iraq dei loro padroni.  Penso che se esiste un Dio ci ha regalato i bambini, i cani ed i gatti ed i cuccioli in genere per rendere più bella la nostra vita.






sabato 7 settembre 2013

L'energia della preghiera

Tutti sanno che il Papa ha invitato oggi al digiuno ed alla preghiera per la guerra in Siria e nel mondo. Questa sera anche qui a Trieste nel cuore della città si svolgerà un rito di preghiera con presenti non solo preti cattolici, ma anche i cristiani della riforma, ebrei, mussulmani, greci e serbo-ortodossi, per auspicare la Pace. 

E' chiaro che il Papa sa perfettamente che un giorno di preghiera e digiuno non basta a placare la guerra in Siria, a fermare il gas,  ma la rivoluzione che Francesco I sta attuando è di mobilitare lo stesso giorno IN TUTTO IL MONDO, tutte le chiese cattoliche come tutti i religiosi di qualsiasi fede i cosidetti UOMINI DI BUONA VOLONTA'  ad UNIRSI IN PREGHIERA per un preciso fine  che esula da interessenze dirette. 

In parole povere ci dice : Fermatevi a pensare a cosa sta succedendo "vicino a voi". Non passate indifferenti continuando a farvi gli affari vostri senza fermarvi a pensare un solo momento a chi soffre, ad un conflitto che rischia di diventare mondiale.  Scuotetevi dall'apatia, fate qualcosa, anche solo un piccolo sacrificio, qualche preghiera. Perché non è importante la pompa magna con cui si fa, ma il gesto anche piccolo QUI ED ORA! Ma che sia sincero! 

Uno dei più grandi sacerdoti di Trieste, che apriva le porte ai poveri ospitandoli per un pasto caldo e qualche euro di sostegno e che di sera, specie d'inverno passeggiava per la città portando qualche parola di conforto a vagabondi ed a donne di vita, nelle omelie diceva sempre, se non avete da dare denaro, non fermatevi : date a chi soffre le vostre preghiere, anche quelle sono utili. 

Ma perché poi limitarci ad un giorno, perché aver bisogno di un invito ufficiale  dal Papa. Sappiamo per la psicologia quantistica  che il pensiero è energia, quindi fermatevi un momento nella giornata, raccoglietevi un paio di minuti: inviate Amore all'Universo, la vostra  solidarietà per chi soffre. Vi sentirete parte integrante del mondo spendendo solo un po' del vostro tempo. 

venerdì 6 settembre 2013

Cartoline da Trieste: i Gargoyles

In mezzo al centro città c'è la piccola Chiesa Evangelico Luterana voluta nel '700 dai commercianti tedeschi affluiti nell'allora fiorente Porto Franco di Trieste. In stile gotico, si distingue per l'architettura a guglie, la bianca pietra carsica. 
Di mattina ha una luce particolare e ieri c'era un cielo blu liberato dal vento di tutte le nuvole, che ha fatto risaltare il bianco della chiesa e non ho resistito a fotografarla. 





Caratteristici sono i Gargoyles, che svettano fuori dal campanile in posa difensiva-offensiva. Cosa sono i Gargoyles ?  La Gargolla (in inglese Gargoyle) è la parte terminale del canale di scolo delle gronde (attenzione : non grondaie!), che l'architettura gotica vuole venga cammuffata nel corpo di un animale mostruoso o di fantasia. Una reminiscenza dell'architettura antica che vedeva i gocciolatoi a protomi leonine nei templi greci. Con il vocabolo Gargoyle si intende sia la gargolla, che il genere di animale rappresentato in essa.   



 



  • Schematizzare l’attività variegata della Comunità non è facile: possiamo comunque considerare   punto di forza della stessa il particolare impegno nelle seguenti attività, e cioè: nella teologia, attraverso il sito www.bollutnet.org, il Centro Studi “Albert Schweitzer”, il gruppo di riflessione e lo studio biblico;
  • nella diaconia, mediante l’attività della SOGIT, dell’Istituto Rittmeyer e del Deutscher Hilfsverein;
  • nella musica, grazie al coro luterano, ai numerosi concerti che si tengono nella chiesa (46 nel 2010) e all’attività professionale di un organista di fama internazionale quale Manuel Tomadin;
  • nell’ecumenismo e nel dialogo interreligioso, attraverso il gruppo ecumenico, il gruppo Religioni per la Pace e molte altre iniziative.
  • - See more at: http://www.chiesaluterana.it/comunita/trieste/#sthash.gHVq1iwk.dpuf



  • Schematizzare l’attività variegata della Comunità non è facile: possiamo comunque considerare   punto di forza della stessa il particolare impegno nelle seguenti attività, e cioè: nella teologia, attraverso il sito www.bollutnet.org, il Centro Studi “Albert Schweitzer”, il gruppo di riflessione e lo studio biblico;
  • nella diaconia, mediante l’attività della SOGIT, dell’Istituto Rittmeyer e del Deutscher Hilfsverein;
  • nella musica, grazie al coro luterano, ai numerosi concerti che si tengono nella chiesa (46 nel 2010) e all’attività professionale di un organista di fama internazionale quale Manuel Tomadin;
  • nell’ecumenismo e nel dialogo interreligioso, attraverso il gruppo ecumenico, il gruppo Religioni per la Pace e molte altre iniziative.
  • - See more at: http://www.chiesaluterana.it/comunita/trieste/#sthash.gHVq1iwk.dpuf



  • Schematizzare l’attività variegata della Comunità non è facile: possiamo comunque considerare   punto di forza della stessa il particolare impegno nelle seguenti attività, e cioè: nella teologia, attraverso il sito www.bollutnet.org, il Centro Studi “Albert Schweitzer”, il gruppo di riflessione e lo studio biblico;
  • nella diaconia, mediante l’attività della SOGIT, dell’Istituto Rittmeyer e del Deutscher Hilfsverein;
  • nella musica, grazie al coro luterano, ai numerosi concerti che si tengono nella chiesa (46 nel 2010) e all’attività professionale di un organista di fama internazionale quale Manuel Tomadin;
  • nell’ecumenismo e nel dialogo interreligioso, attraverso il gruppo ecumenico, il gruppo Religioni per la Pace e molte altre iniziative.
  • - See more at: http://www.chiesaluterana.it/comunita/trieste/#sthash.gHVq1iwk.dpuf
     La comunità Evangelica-Luterana è molto attiva nella città : 
     *   nella chiesa vengono tenuti dei concerti (46 nel 2010) con un famoso coro ed un organista di fama internazionale quale Manuel Tomadin, 
    * la Chiesa inoltre ha parte attiva nei centri culturali religiosi, come in quelli scientifici quali il Centro Studi "Albert Schweitzer", 
    * solge attività di sostegno nella SOGIT, nel istituto Rittmayer (ciechi) e nella Deutscher Hilfsverein,  con un servizio di aiuto e di sostegno ad emigrati, a suo tempo anche di ospitalità in famiglie degli studenti africani che venivano a Trieste, raccomandati dalla loro parrocchia d'origine.

    nella teologia, attraverso il sito www.bollutnet.org, il Centro Studi “Albert Schweitzer”, il gruppo di riflessione e lo studio biblico; - See more at: http://www.chiesaluterana.it/comunita/trieste/#sthash.gHVq1iwk.dpuf
    fa



  • Schematizzare l’attività variegata della Comunità non è facile: possiamo comunque considerare   punto di forza della stessa il particolare impegno nelle seguenti attività, e cioè: nella teologia, attraverso il sito www.bollutnet.org, il Centro Studi “Albert Schweitzer”, il gruppo di riflessione e lo studio biblico;
  • nella diaconia, mediante l’attività della SOGIT, dell’Istituto Rittmeyer e del Deutscher Hilfsverein;
  • nella musica, grazie al coro luterano, ai numerosi concerti che si tengono nella chiesa (46 nel 2010) e all’attività professionale di un organista di fama internazionale quale Manuel Tomadin;
  • nell’ecumenismo e nel dialogo interreligioso, attraverso il gruppo ecumenico, il gruppo Religioni per la Pace e molte altre iniziative.
  • - See more at: http://www.chiesaluterana.it/comunita/trieste/#sthash.gHVq1iwk.dpuf



  • Schematizzare l’attività variegata della Comunità non è facile: possiamo comunque considerare   punto di forza della stessa il particolare impegno nelle seguenti attività, e cioè: nella teologia, attraverso il sito www.bollutnet.org, il Centro Studi “Albert Schweitzer”, il gruppo di riflessione e lo studio biblico;
  • nella diaconia, mediante l’attività della SOGIT, dell’Istituto Rittmeyer e del Deutscher Hilfsverein;
  • nella musica, grazie al coro luterano, ai numerosi concerti che si tengono nella chiesa (46 nel 2010) e all’attività professionale di un organista di fama internazionale quale Manuel Tomadin;
  • nell’ecumenismo e nel dialogo interreligioso, attraverso il gruppo ecumenico, il gruppo Religioni per la Pace e molte altre iniziative.
  • - See more at: http://www.chiesaluterana.it/comunita/trieste/#sthash.gHVq1iwk.dpuf

    martedì 3 settembre 2013

    Nutella o Nugtella ??? ;D

    E' di mesi fa la notizia che i giovani americani si sono "innamorati" della nostrana Italica Nutella  e facciano strage di vasetti, tanto che la casa produttrice faceva fatica a stare dietro agli ordini. 

    Di pochi giorni fa la notizia che la casa produttrice della Nutella sta facendo causa nella Corte degli Stati Uniti ad una sofisticazione del prodotto, perché in California è uscito un prodotto che copia la famosa crema, MA ha un'aggiunta alquanto discutibile : la NUGTELLA !!! e si, avete letto bene : l'ingrediente aggiunto è la... Marjuana !!
    Sapevamo dei poteri curativi della cioccolata per migliorare l'umore, alzare il potassio, ecc. , ma metterci dentro anche la Marjuana.... :)



    lunedì 2 settembre 2013

    31 agosto - 80° anniversario Moka Bialetti





    Omegna ieri ha festeggiato l'80esimo anniversario della Moka con un flesh mob al quale hanno partecipato circa 300 persone con la loro personalissima Moka Bialetti, si, proprio quella dell'omino coi baffi, hanno danzato alla musica degli anni '40 ed alla fine agli applausi si è aggiunto il concerto dei coperchietti della moka, come nacchere.

    Tanti sono gli anni in cui Alfredo Bialetti costituì ad Omegna la fabbrica per costruire la moka di sua invenzione. Purtroppo la crisi colpisce anche questo simbolo storico Italiano : tanto personale è stato già tagliato e lo spettro della disoccupazione si stende anche sopra il secondo stabilimento quello di Coccaglio (BS), che  sta trattando con le banche per gestire i conti in rosso, come l'ultima nata di casa Bialetti: Express Glossy. 


    Alcuni consigli per chi vuole qualche consiglio sulla manutenzione di questo prezioso oggetto. 

    Oltre alla sana manutenzione al filtro con regolare cambio della guarnizione di gomma e pulitura del cannello di percolazione sulle cui pareti troverete di sicuro sedimentazione di caffé, prima di usarla è bene bollire nella caldaia acqua a cui avrete aggiunto due cucchiaini di caffé, dopo di che lasciate il liquido riposare tutta la notte: in questo modo gli olii essenziali sprigionati dalla polvere andranno a permeare le pareti della caldaia ed a ritardare il deposito del calcare. E' buona regola tenere ben pulita la caldaia con una spugnetta d'acciaio SENZA lisciva per togliere eventuali concrezioni di calcare. Regolarmente fate bollire, sempre solo la caldaia con acqua ed aceto. Lasciate raffreddare e passate la spugnetta d'acciaio per togliere le ultime tracce di calcare. Sciacquate bene e ripetete l'operazione di bollitura di due cucchiaini di caffé per permeare le pareti della caldaia. 

    ... e naturalmente : BUON CAFFE' ! :D

    P.S rispondo a Nik : la  forma (in sezione trasversale) ottagonale[3] è  per aumentare la presa in caso di superficie bagnata. Il brevetto del sistema "Moka" prevede unicamente questa forma; in commercio esistono delle imitazioni, sempre con pianta a forma di poligono regolare, ma con un diverso numero di lati, o a forma cilindrica. Viene prodotta in diverse grandezze, che possono produrre l'equivalente in caffè da una fino a diciotto tazzine.

    domenica 1 settembre 2013

    Cambiare si può

    Inserisco un altro filmato che spiega il meccanismo del cambiamento. Come fare?
    "Basta" cambiare il proprio pensiero. Facile a dirsi, difficile a farsi per gli schemi verbali, ma soprattutto "non verbali" che abbiamo assorbito fin dal grembo materno con il flusso degli ormoni materni nel benessere : serotonina, o nel malesse : adrenalina, noradrenalina, ecc. e nella prima infanzia con gli schemi comportamentistici dei nostri genitori. Anche un laureato è probabile che prenderà a botte la moglie se lo ha visto fare al padre... ecc.

    Quindi : qual'è la chiave di volta del cambiamento ? IL PENSIERO!
    Sorvegliare i nostri pensieri, prenderne nota anche materialmente, per rivederli e ri-programmarci quando constatiamo che il loro ripetersi ci porta ad un modello comportamentale distruttivo,  è uno sforzo che dobbiamo a noi stessi, se vogliamo cambiare.

    IL DESTINO E' NELLE NOSTRE MANI, ma MA PRIMA DI TUTTO E' NELLA NOSTRA "TESTA", sta in noi a dare il via al cambiamento con una maggior CONSAPEVOLEZZA DI CIO' CHE PENSIAMO.


    BARCAROLLE

    1° Settembre

    Finalmente! E’ iniziato Settembre, un mese carico di prospettive e di impegni, di progetti e di partenze.


    La settimana che lo ha preceduto è stata ricca di avvenimenti, d’iniziative portate a buon fine ed anche di una notizia triste: la zia di 91 anni, che seguo, è caduta nella casa di riposo. Niente di rotto, ma la sua fragile costituzione –data l’età- ne ha risentito parecchio: auguri zietta!


    Settembre porta sempre tantissimi ricordi, belli ed alcuni tristi, ma così è la vita, che ci porta la gioia ed il dolore, la prima per ricompensa ed il dolore per “crescere” ed apprezzare i bei momenti e la serenità che daremmo per scontata.


    Stamattina nonostante il giorno festivo mi trovo ad alzarmi alla solita ora ed  il cielo che mi ha accolto era buio pesto. Ora timidamente la luce avanza: è la cosa che più detesto  di questo periodo.  L’accorciarsi delle giornate mi porta malinconia, ma troverò il sistema per sfangare anche questa tristezza!

    Vi lascio un video ed auguro a tutti un  BUON SETTEMBRE!!! e ... AD MAJORA!


    sabato 31 agosto 2013

    CHI SONO ? ovvero : to be or not to be!




    Sapere chi siamo, è il primo passo verso una realizzazione del Sé e della propria sicurezza. Sinceramente non è la cosa più semplice e facile.

    Dopo aver svolto per decenni ruoli precisi   ed esserne stata  totalmente assorbita, tanto che negli ultimi anni andavo avanti per forza d’inerzia e per disperazione,  mi ritrovo ora a cercare una nuova identità.

    Attualmente la mia vita è imperniata su tre ruoli : madre, supporter di persone anziane o con problemi e -come dicono gli inglesi, last not least, ultimo e non meno importante- sono la persona che dispensa cibo a Mucia e le tiene pulita la casa.

    Come potete constatare  nei ruoli citati quello di “Renata” non viene contemplato :  mi percepisco ancora un’assistente e non una persona che pensa a se stessa. Un gregario, mai un atleta protagonista.

    Certo non mi affanno al 100%  : per un istinto di conservazione, timore –forse infondato- sentendomi  ancora “fragile”,  o meglio vulnerabile, perché talmente empatica da assorbire malumori e depressioni altrui -tanto da dover faticare a tirarmene fuori-, cerco di creare spazi miei nei quali rifugiarmi e ritemprarmi. Ma invece di essere costruttivi, questi corrispondono al riposo (incluso il sonno), all’alimentazione ed al cazzeggio al computer/tv. Mi rendo conto che si tratta di compensazioni alla pressione dei miei ruoli, a cui rispondo con  queste “fughe” , ma percepisco una “perdita” di tempo ed un vuoto spirituale, con la mancanza di conclusività tale che mi fa perdere la parte operosa, fattiva, sveglia, del mio essere di una volta e mi getta in un limbo passivo, dal quale difficilmente riesco ad emergere per trovare la mia nuova dimensione e curare come si deve la mia persona e non intendo fisicamente, ma spiritualmente.

    Da pochi mesi mi son risolta a pensare a me stessa come persona da “rieducare” per poter capire finalmente “cosa voglio fare da grande” e come portare avanti un sistema di evoluzione, che eviti di contrapporre la vegetazione ai momenti di attività con le persone della mia vita.

    Certo è difficile, perché vecchi schemi sono duri a  venir sfangati, ma continuo prendendo spunto da varie attività per venirne fuori: essere la protagonista  e non una comprimaria assistente  degli altri.

    Il primo passo : identificare decisamente CHI SONO e COSA VOGLIO ESSERE E COSA VOGLIO FARE DELLA MIA VITA.
     
    Io speriamo che me la cavo :) 


    giovedì 29 agosto 2013

    Cartoline da Trieste : contrasti!

    In questo periodo il tempo mutevole ci dona un cielo   pieno di contrasti.
     

     
    Una mattina in centro città il tappeto di nuvole scurissime lasciava lo spazio ed esigui spicchi di cielo terso e nuvole illuminate dal sole.
     
    ******
     
    Mentre oggi, sull'altopiano scivolano nubi scure sormontante da nembi bianchi, mentre ....
     
     



    .. dalla parte del mare,  il cielo è terso, il sole splende: sembra di essere in un altra città!
     

     

    mercoledì 28 agosto 2013

    PRO-BLEMA

    Tutti si arrabattano in questo momento con problemi di vario genere ed importanza. Alla sola parola "problemi" inarchiamo le sopracciglie, il cuore ha un tonfo, la parola che sale alla mente è "...ancora? un altro....!". 
     
    Ma cos'è realmente un problema ??? l'etimologia fa derivare la parola dal greco,  con la radice "pro", "innanzi" e "ballo", "mettere, gettare".

    Eppure nei giorni scorsi ho trovato una riflessione : pro-blema, in realtà è una situazione con cui dobbiamo confrontarci per progredire e dobbiamo prenderla come un vantaggio, proprio per quella radice iniziale PRO ! Se no sarebbe stata "contro" ? 
    L'assurdità di tale teoria mi ha sorpreso e mi ha fatto pensare, in fin dei conti, non è tanto inverosimile.

    Se consideriamo i problemi come dei blocchi, difficilmente riusciremo a trovare una soluzione. Se invece siamo ridotti allo stremo, le sole alternative sono : soccombere o risollevarsi. Magari considerando i problemi in modo non convenzionale, riusciamo ad arrivare a risultati incredibili e non prevedibili, proprio perché i pro-blemi in fin dei conti ci mettono in contatto con la nostra potenzialità più profonda. Ma perché tanta difficoltà a farla emergere? Perché noi siamo spaventati dalle nostre doti come lo siamo delle nostre debolezze, ultimo, ma non meno importante troviamo i mass-media che ci portano in maggior confusione, facendoci perdere di vista i veri valori e creando delle necessità fittizie che ci rubano la vera vita.

    E' proprio dai problemi che nascono i cambiamenti, anzi spesso danno  i migliori risultati alla nostra vita. Facile a dirsi? Facile a farsi!!!  

    Ci sono momenti in cui i problemi che ho affrontato erano talmente grandi che a pensarci mi tormentavo e mille pensieri mi affollavano la mente. Non era vita. Non si può vivere nella disperazione 24 su 24. Allora ho preso a CHIEDERE : CHE MI VENISSE DATA LA MANIERA ED IL MODO PER RISOLVERE IL PROBLEMA O I PROBLEMI che mi assillavano.  Mi rialzavo ed andavo avanti senza pensarci più: a breve la risposta arrivava. Caduta la paura, l'ansia ed il tormento, il cambiamento avveniva spontaneamente. Più abbiamo paura di perdere, maggiore è la possibilità di essere la causa del nostro insuccesso, perché pensiamo inconsciamente di non meritarci il successo.  

    Dobbiamo aver più fiducia che la soluzione giusta arrivi : da Dio ? basta citare Matteo "chiedete e vi sarà dato, bussate e vi sarà aperto" o dall' Universo? per la legge dell'attrazione quantica... Non importa, in cosa crediate, ma ABBIATE FEDE CHE LA SOLUZIONE ARRIVA! 

    E se la soluzione non arriva ? vuol dire che non avete avuto tanta Fede, oppure che la soluzione che cercate non vi appartiene!!!  e qui dovrete capire il perché... solo guardando in fondo alla nostra anima possiamo rimuovere i blocchi psicologici che ci limitano e fanno fallire. 

    Perché sebbene io abbia sperimentato la soluzione di cui sopra mi faccio comunque prendere ed invischiare dalla paura e dall'ansia, spesso ritardando la soluzione. Perché la mente è una gran bastarda, ma la mente è NOSTRA e quindi noi possiamo cambiarla!

    Ad majora gente!

    domenica 25 agosto 2013

    Settembre è alle porte!

    Ancora una settimana e poi saremo in Settembre!
     
    Settembre è da sempre il MIO mese, è il mese del mio compleanno e come dice il mitico Branko è l'inizio del "mio" anno nuovo, perché -secondo lui- più che l'anno calendario tutti dovremmo considerare il primo giorno del nuovo anno a partire dal nostro compleanno. 

    Ed è una coincidenza fortuita, che come in Dicembre, anche in Agosto si segni il passo obbligati dalle ferie, ma in Settembre i giochi ripartono più in fretta che a Gennaio.

    Quest'anno poi lo aspetto con particolare ansia, per riprendere la mia corsa, piena di progetti, ma soprattutto di curiosità per ciò che il nuovo anno mi porterà,  con l'impazienza ed l'entusiasmo di scrivere una nuova pagina della mia vita, qualsiasi essa sia, forte dell'esperienza di questo ultimo anno vissuto intensamente. Certo ho avuto alti e bassi, ma ho avuto anche la fortuna di aver incontrato persone che mi hanno indicato nuove vie, aperto o riaperto la mia mente a nuovi percorsi, magari temporaneamente accantonati, perché si sa : ogni cosa va realizzata al momento giusto.

    Parto con i piedi di piombo, senza illusioni, ma pronta a cavalcare l'onda delle occasioni. 


    venerdì 23 agosto 2013

    Mamma, Mamma!!! La nave dei piratiiiiiii!!!


    E' stato il grido di un bambino in autobus questa mattina, mentre andavo al mare. 
    Vista da lontano sembra proprio una nave d'altra epoca, da Costa dei Barbari, se sul pennone  non svettasse la bandiera Italiana della Marina militare. Anche vista da vicino ha un suo fascino con il dritto di prua lungo e robusto e la polena in metallo che protegge il fasciame di prua della nave.


    Si tratta della nave "Palinuro" un brigantino di costruzione francese acquistato nel 1951 dalla Marina Italiana per affiancarla al più maestoso veliero "Amerigo Vespucci", come scuola ufficiali.

    (dal Piccolo di Trieste). 
    La nave scuola Palinuro della Marina Militare da venerdì 23 agosto a martedì 27 agosto sarà ormeggiata al molo Bersaglieri del porto di Trieste. Sarà possibile salire a bordo e visitarla.
    Partita da Taranto il 29 luglio per la campagna addestrativa degli allievi marescialli, dopo le tappe di Crotone, Cattaro (Montenegro) e Ortona la nave scuola a vela della Marina fa tappa a Trieste: già questo pomeriggio era ben visibile all’ormeggio in mezzo al golfo, a circa due miglia dalle rive.
    Tra l’equipaggio anche quarantasette allievi marescialli che, appena completato il primo anno accademico presso la scuola sottufficiali di Taranto, stanno vivendo il loro «battesimo del mare» acquisendo i primi rudimenti di perizia marinaresca.
    In quest'estate 2013 il Palinuro partecipa insieme al Wwf alla campagna di sensibilizzazione «il Mare deve vivere», e supporta la ricerca scientifica in sinergia con l’Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale di Trieste (Ogs) per uno screening del Mare Adriatico allo scopo di verificare eventuali presenze di micro alga potenzialmente tossica per i molluschi.
    La nave sarà disponibile per le visite: venerdì 23 agosto dalle 17 alle 19 e dalle 21 alle 23; sabato 24 e domenica 25 dalle 15 alle 19 e dalle 21 alle 23; lunedì dalle 17 alle 19.


    giovedì 22 agosto 2013

    Sbisciolando verso Settembre !

    Manco da un po' dal blog. Sto sbisciolando verso Settembre! 
     
    Uso il verbo preferito dall'amico  Soffio : sbisciolare. 

    Mi lascio portare dal flusso dei giorni seguendo gli eventi che arrivano, incastrando i miei impegni come   tessere di un puzzle,  senza patemi, senza corse, tanto tutto è quasi fermo, ci sono ancora le ferie e la ripresa è lenta. Quindi inutile sbuffare, bisogna aspettare, sbiciolando.

    Questo sbisciolamento mi ha fatto bene, lasciando spazio alle mie esigenze, alle mie meditazioni, allo space clearing con criterio, magari localizzato, ma liberatorio. 

    Settembre arriverà con la ripresa e spero di portarmi dietro lo sbisciolamento per dare una dimensione più serena alla mia vita movimentata. 

    Vi lascio un video 


    giovedì 8 agosto 2013

    Geometrie

    La foto è mia : presa nell'atrio della ex- Banca Commerciale Italia, in piazza della Repubblica a Trieste, guardando fuori dalle vetrate dell'ingresso che si affaccia sul palazzo della R.A.S. Quelli che vedete nel rombo centrale sono le statue di "Idea" e di "Azione" (lo distinguete dallo scudo alzato), sul balcone principale della RAS, Riunione Adriatica di Sicurtà,  una delle prime società di assicurazioni italiane,  fondata a Trieste il 9 maggio 1838.

    martedì 6 agosto 2013

    La stanchezza

    Non adducete mai come pretesto la stanchezza per dispensarvi  dagli esercizi raccomandati dal nostro Insegnamento. Che a tratti vi sentiate stanchi, d'accordo, ma di quella vecchia stanchezza che vi trascinate appresso potrete sbarazzarvi solo andando a contemplare il sorgere del sole, facendo esercizi di respirazione e di ginnastica … Alcuni diranno che si tratta di un'ulteriore fatica: forse, ma sarà questa benefica fatica a sbarazzarvi della stanchezza. Chi rimane nella sua  vecchia stanchezza la alimenta. La stanchezza ha paura degli sforzi: se glieli imponete, essa scapperà lontano da voi. Se
    invece la accarezzate gentilmente e le dite: «Mia cara stanchezza, rimaniamo a letto, pranziamo insieme…» non si allontanerà mai. 
    Nulla può giustificare il fatto di lasciarsi andare all’inerzia. Anche chi avesse le più grandi difficoltà a
    camminare deve sforzarsi di fare almeno qualche passo; se poi gli fosse veramente impossibile, cerchi di fare un esercizio tramite il pensiero immaginando se stesso mentre cammina. Sì, non
    accettate mai l’inerzia."
    Omraam Mikhaël Aïvanhov 

    *****

    Ho sempre trovato buone ispirazioni nelle parole del filosofo Aïvanhov, che vi ripropongo anche oggi. 

    In maggio di quest'anno ho partecipato ad un corso di bioenergetica taoista dove la nostra insegnante ci ha indicato come CON IL SOLO PENSIERO si possono attivare fonti inesauribili di energia nel nostro corpo, andando ad agire sui chackra e sui meridiani dell'agopuntura cinese. Come un magnete,  se "fatto girare", con il solo pensiero il nostro corpo ingrana una marcia incredibile, pur non richiedendo sforzi di meditazione strani, ma solo chiudendo gli occhi e visualizzando per un paio di minuti una sequenza d'attivazione. 

    Per aggiunta lo stupore maggiore è stato quando "sentendo" quanta energia avevamo innescato, abbiamo dovuto fare degli esercizi di movimento fisico per scaricarne un certo surplus e poter riprendere il corso. 

    Un pensiero si affaccia sempre alla mia mente quando vengo a contatto con queste realtà.

    Se tutto ciò si può fare SEMPRE, FACILMENTE, in qualsiasi luogo ci troviamo A COSTO ZERO, perché non ci viene insegnato??? Certe cose sarebbero indispensabili e sono riconosciute negli altri paesi Europei, perché da noi NO ???? 

    Buona giornata !

    lunedì 5 agosto 2013

    Citazione

    "Anche se gli esseri umani sono convinti che la vita sia ciò che di più prezioso possiedono, non hanno ancora ben capito che in quella vita l'essenziale è la vita stessa. Gli esseri umani non pensano a tutte le creature e a tutte le potenze dell’universo che esistono soltanto affinché essi possano vivere, e neppure pensano a tutto ciò che ricevono dalla terra, dall’acqua, dall’aria, dal sole, dalle stelle…
    Quanti hanno la tendenza a credere che la vita sia stata data loro unicamente per il soddisfacimento dei propri desideri. Sono vivi, e per loro questo è sufficiente: non si domandano grazie a chi e a che cosa possano respirare, nutrirsi, amare, pensare… E non essendo coscienti di ciò che rappresenta il dono della vita, la sprecano. La consapevolezza nasce in loro un po’ più tardi, all’avvicinarsi della vecchiaia, oppure nel caso siano handicappati, malati. A quel punto fanno tutto il possibile per
    trattenere quella vita che li sta abbandonando. Non bisognava forse iniziare a pensarci un po' prima?"

    Omraam Mikhaël Aïvanhov


    venerdì 2 agosto 2013

    1° Agosto = 1° bagno !!! e vvvvvaaaaiiii! il dado è tratto!



    E mare sia, ieri dopo la colazione al bar con i figli, il briefing Stanhome con il gruppo a Barcola, una consegna ad una mia cliente,  ho avuto un passaggio da lei per raggiungere "el Pedocin", stabilimento di cui scrissi in Splinder e riproporrò nei prossimi giorni la storia. 

    E' stato bello nuotare nel mare, farsi docce gelate per ristorarsi della calura, avere a disposizione una sedia per prendere il sole, dato che avevo dietro lo stretto indispensabile.  Ho gustato anche il toast farcito del bar interno: una libidine papillare :P 

    Al ritorno a parte i tragitti dal bagno alla fermata di partenza ed all'arrivo fino a casa, una lieve brezza mi ha ristorato nelle zone d'ombra! Tutta colpa dell'orario: non è l'ideale andare al mare proprio nelle ore centrali del giorno, ma così richiedevano le incombenze e non volevo "mancare" il bagno. E per l'ennesima volta, ho constatato quanto la mente possa limitare una persona tarpandola e precludendole di assaporare le piccole gioie della vita.


    Geri's Game

    Quando ho guardato per la prima volta questo cartone mi son sbellicata in due dalle risate, la seconda volta ho prestato attenzione alle smorfie, ai movimenti ed ogni volta che lo riguardo è come se fosse la prima, non finiscono di stupirmi le sfumature che i disegnatori hanno colto ed il lato comico della situazione. 
    Buon venerdì a tutti!!




    giovedì 1 agosto 2013

    1° agosto

    Mi piace gustare il primo giorno del mese, un mese ancora intonso, mentre la mente fa mille progetti ed il cuore sospira sognando nuove e meritate soddisfazioni. Ultimamente sto girando come una trottola. Proprio io, convinta di non far nulla, mi rendo conto che torno a casa stanca e poi ripensando a ciò che ho fatto e il ritmo che sto tenendo, concordo che ne ho ben donde !!!! ^_^ 

    E' il 1° agosto ed ancora non ho avuto il coraggio di andare al mare, vedo gente abbronzatissima, la moglie di mio padre ieri ha fatto il primo bagno e si sta dando della sciocca perché ha detto : è bellissimo, che scema a restare chiusa a casa per timore dell'afa e del caldo torrido ... al mare! al mare si che si sta bene!!! Torni rigenerata e con i piedi sgonfi! 
    Si ha ragione spesso ci mettiamo in testa dei paradossi per teoremi che costruiamo nella nostra mente, mentre la realtà è diversa.

    Mentre sto scrivendo l'aria dell'alba sta entrando dalla finestra aperta e mi rinfresca... sembra un sogno!

    Agosto tempo di ferie: già al mattino se ne vedono i risultati, il traffico è diminuito e si arriva spediti a destinazione. Tanti mi chiedono se vado in ferie .... io penso che sono già in ferie da troppo tempo. Chi è disoccupato sa che ha tutto il tempo del mondo a disposizione ed è questo che, quando lavori, si chiama ferie.  Al momento non faccio ancora progetti, ma sono pronta a prendere la giusta occasione al volo.

    Chissà ...? :D